Pesca abusiva nel Po, sequestrati 800kg di pesce

Nell’area del Parco Regionale Delta del Po della provincia di Ravenna continuano i controlli svolti dal Corpo Forestale dello Stato, in orario notturno.

Gli agenti hanno identificato tre cittadini rumeni, i quali svolgevano attività di pesca abusiva, senza avere conseguito la licenza, trasportando il pescato su mezzi privi di autorizzazione e in contenitori non idonei.I pirati del po hanno preso circa 800 chilogrammi di  carpe, carassi, siluri e luccioperca. Sono state elevate 7 sanzioni amministrative per un totale di 3.500 euro per la violazione delle leggi sulla pesca ed effettuato il fermo amministrativo del mezzo a carico del proprietario,oltre aver pescato varie specie ittiche sono state sequestrate anche attrezzature da pesca. circa 700 metri di reti e perfino una imbarcazione in vetroresina

Le dichiarazioni del Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato

Giovanni Naccarato, Comandante Provinciale del Corpo Forestale dello Stato ha dichiarato:

 

Continuano i controlli programmati da parte del Corpo Forestale dello Stato mirati alla salvaguardia della riserva ittica dei fiumi presenti nel territorio ravennate ed in particolare nella zona di preparco. È stato possibile raggiungere questi risultati grazie al costante impegno del personale impiegato nel servizio programmato per la tutela dell’ambiente ed il rispetto delle legalità.

 

 

Adoro tutte le tecniche di pesca a 360 gradi, anche se sono ossessionato per lo spinning, in particolare per il bassfishing. Sono molto affascinato dell'artificiale in se, come esca, dove nel tempo libero mi cimento nello studio e nell'autocostruzione di questi piccoli gioielli.

Lascia un commento

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui