Pesca con il vivo


La pesca con il vivo  ha origini molto antiche, la pesca con un esca in questo caso un pesce vivo sfrutta l’istinto dei predatori. Il periodo migliore per pescare con il vivo è prima del grande freddo quando il cibo inizia a scarseggiare e di conseguenza i predatori diventano aggressivi.

Orari e posti di pesca

Le ore migliori per andare a caccia di predatori sono quelle dell’alba e il tramonto, anche se potrebbero essere le ore centrali ovvero dalle 11 alle 14. Con questa tecnica essendo con il vivo dobbiamo tenere conto della temperatura dell’acqua.

Attrezzatura

Per la pesca con il vivo si utilizzano canne telescopiche che variano dai 3.5 e i 4.2 metri dove il requisito fondamentale è la robustezza, questo dalla riva, se invece peschiamo dalla barca  possiamo utilizzare canne a innesti da spinning, il mulinello va bene anche quello che si utilizza per la pesca a fondo , quindi sempre con caratteristiche di robustezza e con una buona capacità di bobina.

Utilizzeremo monofili di grosso spessore quindi si parla dal 0.30 allo 0.40 con un buon grado di elasticità. Nella scelta dell’amo si utilizzano ami sottili e lunghi che vanno dal n. 6 al n. 8  se abbiamo intenzione di insidiare pesci grossi andremo di ancorette o ami forgiati.